la legislazione

La DIRETTIVA 2005/36/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 7 settembre 2005 relativa al riconoscimento delle qualifiche professionali sancisce il diritto di esercitare, come lavoratore autonomo o subordinato, una professione in uno Stato membro diverso da quello in cui è stata acquisita la relativa qualifica professionale.

Segnatamente, l’articolo 47, paragrafo 1 del Trattato Istitutivo dell’Unione Europea prevede l’approvazione di direttive miranti al reciproco riconoscimento di diplomi, certificati e altri titoli scolastici e universitari.

La Direttiva 2006/100/CE del Consiglio Europeo del 20 novembre del 2006, in vista dell’allora imminente ingresso della Romania nell’UE ha esteso l’applicabilità della direttiva 2005/36/CE in tema di riconoscimento delle qualifiche professionali agli studenti che ottengono la laurea in Romania mirando, ad agevolare la libera circolazione dei medici e il reciproco riconoscimento dei loro diplomi, certificati ed altri titoli ottenuti frequentando corsi di laurea in Romania.

Il Decreto Legislativo n. 206/2007, ha recepito le direttive europee n. 2005/36/CE e 2006/100/CE, introducendo nell’ordinamento giuridico italiano la disciplina del riconoscimento di titoli di studio, diplomi, lauree e qualifiche ottenute in Romania. In particolar modo, gli articoli 16 Co. 5, e 31, 32, 35, 40,43, 45 e 49 del Capo IV del summenzionato d.lgs. 206/2007 istituiscono il principio di riconoscimento automatico

Tale meccanismo si applica allorquando, la domanda di riconoscimento abbia ad oggetto titoli identici rispetto a quelli su cui si sia già provveduto con precedente decreto, oppure quando il titolo soddisfi le condizioni minime di formazione di cui al Capo IV del d.lgs. 206/2007. Orbene, migliaia di titoli nel settore sanitario, conseguiti presso gli atenei rumeni sono stati già riconosciuti dal Ministero della Salute italiano e quindi possono beneficiare del riconoscimento automatico. Non solo, anche le previsioni di cui al Capo IV del decreto oggetto di attenzione sono soddisfatte in particolar modo dai titoli di formazione di medico, che danno accesso alle attività professionali di medico con formazione di base e medico specialista; infermiere responsabile dell’assistenza generale; odontoiatra; odontoiatra specialista; veterinario; farmacista; architetto.

Precisiamo, invece che altre professioni, come ad es. quella di docente, di avvocato o di fisioterapista, non godono del principio di riconoscimento automatico. Il riconoscimento in tal caso non è precluso, ma il ministero competente entrerà nel merito della domanda e con maggiore discrezionalità, potrà irrogare delle misure compensative.

Riassumendo, il quadro normativo nazionale e comunitario, pertanto, è particolarmente favorevole per quanti decidano di intraprendere un percorso di studi in Medicina, Odontoiatria o Veterinaria in Romania. L’Avvocato Alessio Cacciapaglia del Foro di Lecce, conoscendo perfettamente la legislazione di riferimento, garantisce un’accurata assistenza legale nel disbrigo del delicato iter burocratico di iscrizione e riconoscimento del titolo. L’avvocato Cacciapaglia, infatti, vanta una consolidata esperienza nel settore, con centinaia di pratiche espletate positivamente e clienti soddisfatti provenienti da tutte le parti dell’Italia, dal Friuli, sino alla Sicilia.

Purtroppo non sono infrequenti telefonate di studenti e genitori che raccontano di essere stati truffati da persone senza scrupoli che millantano di avere posti riservati disponibili solo dietro compenso di cifre esorbitanti. Inutile aggiungere che spesso in questi casi i malcapitati restano senza denaro e senza iscrizione. Il posto riservato ad personam, non esiste, neanche in Romania.

L’avvocato Cacciapaglia ha stretto degli accordi ufficiali di collaborazione con alcuni atenei rumeni da ormai svariati anni, ma la collaborazione non ha ad oggetto una riserva di posti in favore di Tizio o Caio: si tratterebbe di un mercimonio assolutamente illecito. Chiunque affermi il contrario sta commettendo una truffa!

Esistono, tuttavia, possibilità molto elevate si essere ammessi affidandosi a degli esperti del settore, questo sì, ma bisogna fare molta attenzione agli improvvisati dell’ultimo momento, perché si potrebbe incappare in raggiri delle più disparate specie.

Iscrizioni in romania: cosa sapere

In Romania ogni università è dotata di una notevole autonomia e, pertanto, anche l’ammissione ai rispettivi corsi di laurea è disciplinata non da un singolo bando nazionale, come in Italia, ma da bandi singoli che ciascuna università emana. 

Tempistiche, modalità di accesso, lingua, e tasse variano in funzione non soltanto della facoltà prescelta, ma anche della nazionalità dello studente.

Le università, infatti, prevedono un numero predeterminato di posti sia per gli studenti comunitari, sia per gli studenti extracomunitari.

In Romania, quindi, contrariamente a quanto si possa credere, l’accesso all’università non è libero, ma è regolamentato, anche se, va detto subito, è molto più semplice essere ammessi rispetto all’Italia se ci si affida a dei professionisti.
Vi sono università che organizzano concorsi per titoli, altre che organizzano test d’ingresso, altre test d’inglese ed altre ancora che adottano dei criteri misti. E’ fondamentale effettuare una valutazione preliminare per capire quali siano le università che meglio si confanno al candidato, anche in termini di maggiori possibilità di essere ammessi.

Alcune università aprono le iscrizioni a febbraio, pertanto, tenuto presente che le procedure di iscrizioni sono abbastanza complesse, è consigliabile iniziare le procedure di iscrizione già a gennaio.

Il Riconoscimento

I titoli di Medico, Odontoiatra, Medico Veterinario, Farmacista e Infermiere, ottenuti grazie ai corsi di laurea in Romania, godono in Italia e in tutti gli altri Stati membri dell’UE del riconoscimento automatico. La laurea in Romania, pertanto, è valida e spendibile in Italia, come nel resto dell’UE. Ciò, grazie ad un quadro normativo favorevole ed, in particolar modo, a quanto stabilito da:

Direttiva 2005/36/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 7 settembre 2005, relativa al riconoscimento delle qualifiche professionali;

Direttiva 2006/100/CE del Consiglio europeo del 20 novembre del 2006, che adegua determinate direttive sulla libera circolazione delle persone, a motivo dell’adesione della Bulgaria e della Romania;

Decreto Legislativo 09 novembre 2007, n. 206, che in attuazione delle precedenti direttive comunitarie ha introdotto nell’ordinamento giuridico italiano il riconoscimento automatico per alcuni titoli di formazione. In particolar modo, ai sensi dell’art. 31 del presente decreto, godono di tale riconoscimento agevolato i titoli di formazione di medico, che danno accesso alle attività professionali di medico con formazione di base e medico specialista, infermiere responsabile dell’assistenza generale, odontoiatra, odontoiatra specialista, veterinario e farmacista.

Il Ministero della Salute italiano è l’autorità competente a concedere il riconoscimento professionale. Questi, a seguito dell’istanza presentata dall’interessato, verifica la completezza della domanda. Dopodiché, nel termine di tre mesi, emana il Decreto di riconoscimento. L’istanza di riconoscimento può essere presentata sia personalmente dall’interessato, sia a mezzo di delegati. A tal proposito, l’Avv. Cacciapaglia fornisce consulenza legale al fine di ottenere il riconoscimento della laurea e dei titoli professionali ottenuti in Romania. Egli si occupa, sia di richiedere la documentazione agli enti rumeni, sia di presentare al Ministero della Salute italiano l’istanza volta ad ottenere il Decreto di riconoscimento. In forza di tale atto, l’interessato, che abbia conseguito in Romania i titoli sanitari summenzionati, è autorizzato ad esercitare in Italia la rispettiva professione.

Decreti di riconoscimento del Ministero della Salute

I decreti di riconoscimento di titoli di formazione conseguiti in Romania sono migliaia. Ed infatti, essi vengono pubblicati sul sito del Ministero della Salute con cadenza settimanale.

E’ possibile verificare l’archivio dei decreti nella sezione newsletter del Ministero della Salute cliccando qui.

A titolo esemplificativo, riportiamo alcuni decreti di riconoscimento, già pubblicati sul sito del Ministero della salute.

Riconoscimento titolo di Medico chirurgo ottenuto in Romania

Decreto riconoscimento titolo medico chirurgo ottenuto in Romania presso la pubblica Università di Medicina e Farmacia Iulia Hatieganu di Cluj Napoca.

Decreto riconoscimento del titolo medico chirurgo ottenuto in Romania presso la pubblica  Università di Medicina e Farmacia G.E. Palade di Targu Mures.

Decreto riconoscimento del titolo di medico chirurgo ottenuto in Romania presso la pubblica Università di Medicina e Farmacia Carol Davila di Bucarest.

Decreto riconoscimento del titolo medico chirurgo ottenuto in Romania presso la pubblica Università di Medicina e Farmacia Grigore T. Popa di Iasi.

Decreto riconoscimento del titolo di medico chirurgo ottenuto in Romania presso la pubblica Università di Medicina e Farmacia di Timisoara.

Decreto riconoscimento titolo di medico chirurgo ottenuto in Romania presso la pubblica Università di Medicina e Farmacia di Craiova.

Riconoscimento titolo di Odontoiatra ottenuto in Romania

Decreto di riconoscimento del titolo di odontoiatra conseguito presso la facoltà di odontoiatria di Cluj Napoca.

Decreto di riconoscimento del titolo di odontoiatra conseguito presso la facoltà di odontoiatria di Targu Mures.

Decreto di riconoscimento del titolo di odontoiatra conseguito presso la facoltà di odontoiatria di Timisoara.

Decreto di riconoscimento del titolo di odontoiatra conseguito presso la facoltà di odontoiatria di Bucarest.

Decreto di riconoscimento del titolo di odontoiatra conseguito presso la facoltà di odontoiatria di Iasi.

Decreto di riconoscimento del titolo di odontoiatra conseguito presso la facoltà di odontoiatria di Oradea.

Riconoscimento del titolo di Medico Veterinario ottenuto in Romania

Decreto di riconoscimento del titolo di medico veterinario conseguito presso la facoltà di medicina veterinaria di Cluj Napoca.

Decreto di riconoscimento del titolo di medico veterinario conseguito presso la facoltà di medicina veterinaria di Iasi ion ionescu.

Decreto di riconoscimento del titolo di medico veterinario conseguito presso la facoltà di medicina veterinaria di Timisoara.

Come già detto, i decreti che precedono sono riportati a titolo di esempio. In realtà, sono migliaia i decreti di riconoscimento aventi ad oggetto titoli conseguiti in Romania.

Per informazioni e consulenza legale in ordine alle procedure di riconoscimento non esitate a contattarci.

Pronto a fare il prossimo passo verso la tua futura carriera?

Contattaci

Manda un messaggio con WhatsApp oppure contattaci